Dispositivi di protezione individuale per proteggere i lavoratori dai rischi di infortunio e trauma durante il lavoro in quota o negli spazi confinati o sospetti di inquinamento.

Rientrano in questa categoria tutti quei dispositivi che proteggono la persona da rischi generici o specifici.

In generale, i dispositivi di protezione individuale si dividono in tre categorie.

  • i DPI di prima categoria sono tutti quei dispositivi che proteggono da rischi lievi
  • Quelli di terza categoria sono tutti quei dispositivi che proteggono il lavoratore da rischi gravi e mortali.
  • Sono di seconda categoria tutti quei DPI che non rientrano ne nella prima ne nella seconda categoria.

Sono ad esempio di prima categoria molte delle tipologie di scarpe antinfortunistiche, gli occhiali di protezione e la maggior parte di guanti e capi di vestiario ad esclusione di abbigliamento specifico anti esplosione o antincendio.

Rientrano nella terza categoria tutti quesi dispositivi, ad esempio, contro il rischio di caduta dall’alto.

Sono DPI di III^ categoria ad esempio:

  1. linee vita temporanee e/o rimovibili;
  2. cordini anticaduta con assorbitore;
  3. cordini di posizionamento;
  4. dispositivi anticaduta retrattili;
  5. connettori e moschettoni;
  6. ancoraggi tessili;
  7. Tripodi;
  8. gruette e bracci davit (davit arm)
  9. discensori;
  10. carrucole;
  11. maniglie e bloccanti;
  12. paranchi;
  13. argani di soccorso e recupero (winch)
  14. funi di lavoro;
  15. funi e corde di back-up;
  16. abbigliamento anti moto sega;
  17. elmetti industriali;
  18. tutti i dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

Tutti i DPI di terza categoria hanno l’obbligo di essere ispezionati annualmente (ogni 12 mesi) da persona esperta e competete che potrebbe essere anche determinata dal costruttore e selezionata da questa con specifico corso di formazione.

I lavoratori devono essere addestrati al loro impiego dal datore di lavoro.

2 portali anticaduta PROTEKT e TUFF BUILT

Portali anticaduta per lavoro su container, macchinari e per gli spazi confinati

Dispositivi mobili autoportanti certificati contro le cadute dall’alto e impiegabili per il soccorso di persone e il sollevamento di materiali I portali anticaduta sono chiamati anche gantry cranes o gru a ponte. Sono dei dispositivi di ancoraggio anticaduta autoportanti e mobili, certificati come DPI secondo la EN 795 Tipo B e secondo la CEN/TS 16415:2013…

copertina articolo sui dispositivi anticaduta di tipo guidato

Dispositivi anticaduta di tipo guidato

I dispositivi anticaduta di tipo guidato sono strumenti che seguono e proteggono l’operatore negli spostamenti verticali ma anche sui piani inclinati. I dispositivi anticaduta di tipo guidato sono strumenti che consentono all’operatore di arrampicarsi su una scala o un traliccio senza dovere utilizzare cordini a Y e tecniche di progressione attacca stacca. Un anticaduta guidato…

Copertina articolo sul triangolo di evacuazione

Triangolo di evacuazione per soccorrere chi è senza imbracatura

Cinghie di salvataggio per l’evacuazione di operatori non imbracati o non imbracabili. Il triangolo di evacuazione, in gergo “pannolone”, è un presidio di salvataggio, e solo per il salvataggio, che permette di sollevare o calare in verticale gli operatori che non hanno o non possono utilizzare l’imbracatura completa. Il suo nome deriva dalla forma a…

tag NFC integrati nei DPI e nei Connettori

Tag NFC integrati nei DPI e nei connettori

Verso una completa digitalizzazione strutturale dei dispositivi di protezione individuale Con i tag NFC integrati all’interno dei nuovi moschettoni i-CONNECTORS, Kong chiude il cerchio e completa la gamma dei propri DPI “digitalizzabili”. Come già abbiamo raccontato nell’articolo “Gestione DPI grazie al software EXTERYO Safety 4.0”, i tag NFC abbinati ad un gestionale potente e flessibile,…